Energie Rinnovabili e risparmio Energetico

Roma- Bollette elettriche meno care grazie ad una diluizione nel tempo degli incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili,che gravano sulle bollette stesse riducendone l'incidenza. Lo prevede l'articolo 1 del decreto legge 'fare 2', secondo l'ultima bozza disponibile. Le disposizioni contenute nell'articolo, si legge nella relazione illustrativa, "sono finalizzate a gestire il picco, previsto nei prossimi anni, di aumento degli oneri di sistema del settore elettrico, attraverso un'operazione che allunghi il tempo di raccolta a carico delle tariffe di una parte degli oneri economici necessari per l'erogazione degli incentivi al fotovoltaico e alle altre fonti rinnovabili. Tali oneri di sistema gravano sulle tariffe dell'energia elettrica e sono cresciuti da 4,5 a 11 miliardi di euro/anno dal 2010 al 2013". Nel dettaglio i commi 9, 10 e 11 introducono "uno strumento per distribuire nel tempo una parte degli oneri economici per l'incentivazione delle fonti rinnovabili elettriche diverse dal fotovoltaico, a fronte di una migliore valorizzazione della vita tecnica degli impianti". Viene cosi' introdotta "la possibilita' per i produttori di optare, in alternativa al mantenimento degli incentivi previgenti, a una riduzione dell'incentivo accoppiata a un aumento del periodo di diritto. L'entita'della riduzione viene rinviata a successivo decreto, dipendendo dal periodo residuo spettante, dal tipo di fonte rinnovabile e dall'istituto incentivante, nonche' dai costi,in particolare quelli di natura finanziaria, indotti dall'operazione di rimodulazione degli incentivi.Il rinnovato periodo di incentivazione e' pari al periodo residuo dell'incentivazione gia' spettante incrementato di 7 anni".Inoltre, l'articolo dispone che "al fine di contenere l'onere annuo sulla componente A3 delle tariffe elettriche, una parte del fabbisogno finanziario necessario alla copertura degli oneri per l'incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili puo' essere reperita sul mercato mediante l'emissione di obbligazioni", che possono avere "durata differenziata, fino a 30 anni" e vengono emesse dal Gse, per un ammontare annuo stabilito dal ministro dello Sviluppo economico, tenendo conto dell'andamento dell'economia e della differenza di prezzo di energia tra Italia e altri Paesi Ue.

 

NEWS

  • 1
  • 2
  • 3
Milano Expo Ferroviaria 2017: la Medel sempre presente

Milano Expo Ferroviaria 2017: la Medel s…

Nuova sede e nuove date per EXPO Ferroviaria, la vetrina italiana...

Galleria Monte Poggio Maria

Galleria Monte Poggio Maria

Con la circolare territoriale n° 10 viene sancita la messa in ese...

Finmeccanica, in settimana il cda per vendita Ansaldo Energia a Cdp

Finmeccanica, in settimana il cda per ve…

Milano, 2 ott. - Secondo quanto riporta 'il Sole 24 Ore' si sareb...

Fotovoltaico, capacita' Europa come doma…

BRUXELLES - La capacità di fotovoltaico in Europa nel 2012 ha toc...

Energia: in UE fotovoltaico copre 2,4% domanda elettrica, Italia sale al 7%

Energia: in UE fotovoltaico copre 2,4% d…

Bruxelles - L'Europa si conferma prima nel mondo per installazi...

ECODEM: CON ECOBONUS PRIMA NORMA FISCALITA' AMBIENTALE

ECODEM: CON ECOBONUS PRIMA NORMA FISCALI…

Roma . - "Per la prima volta in Italia e' stata approvata una n...

Europa-Regioni: Tajani, serve 'Industrial Compact'

Europa-Regioni: Tajani, serve 'Industria…

BRUXELLES --  Accanto al Fiscal Compact per risanare i conti pubb...

TELECOM: MOAVERO, BENE INVESTIMENTI ESTERI MA TUTELARE INTERESSI STRATEGICI

TELECOM: MOAVERO, BENE INVESTIMENTI ESTE…

Bruxelles, 26 set. (Adnkronos) - "Penso che gli investimenti al...

Energie Rinnovabili e risparmio Energetico

Energie Rinnovabili e risparmio Energeti…

Roma- Bollette elettriche meno care grazie ad una diluizione ne...

MEDEL AL TUO FIANCO

SEGUI MEDEL SUI SOCIAL NETWORK

Client Section